Le Attività dell’Ordine

Gentile Visitatore, anche se spesso, per motivi di trasparenza è necessario condividere le attività che l’Ordine e i Suoi membri realizzano, il più delle volte con finanze e risorse proprie, pensiamo e siamo fermamente convinti che

                   Le buone azioni, non si raccontano.........si fanno!!                                                                                                                        

la-scuola-della-vita

Con questa frase, che nella sua sintetica espressione rappresenta la filosofia dell’Ordine, ci piace condividere con il visitatore, anche occasionale, quello che è il nostro sogno…..e se è vero che sognare aiuta a realizzare allora presto questo diventerà realtà.

"Il Nostro progetto più grande e che sicuramente può essere considerato il seme dal quale germoglieranno i nuovi alberi, lo vogliamo condividere per far conoscere a chi, vuole o intende avvicinarsi all'Ordine dei Santi Contardo e Giuliano l'Ospitaliere e a chi vuole fattivamente collaborare con questa realtà Cavalleresca, che è forte tra di noi la presenza di un Sogno.....di un Progetto. Queste poche ma esplicative righe, potranno dare l'idea di quali sono le intenzioni presenti e future del Gran Magistero nel percorso di Crescita dell'Ordine. "

Abbiamo memoria, in questo caso di  un antico proverbio Africano  che recita nessun albero avrà foglie se non ha radici, facendo  nostro anche questo antico detto “non c’è futuro senza storia”.

Moltissime le generazione hanno avuto la fortuna di crescere con il Nonni……i Nonni…..ciò che oggi si definisce “vecchio”, hanno rappresentato per noi la TV digitale, la play station e SKY, sostituendosi spesso al telefonino e ai social network…… quanti ricordi legati ai nostri Nonni, quanta dolcezza e amore questi esseri umani dai capelli bianchi e dalla voce roca, ci hanno donato, in maniera incondizionata.

Ciò che oggi rappresenta la società moderna, è conformato a degli stereotipi che spesso vedono le persone anziane, costrette da vicende famigliari, ricoverate in luoghi lontani dal loro ambiente e dalle loro abitudini, lo stato psicologico in cui un anziano versa lo porta spesso alla rassegnazione e al conseguente status “aspetto di morire”. Ma l’anziano, non è il nostro solo pensiero, l’altro anello debole della catena, sono sicuramente i bambini, spesso anche loro costretti a una vita fatta di emozioni virtuali, di solitudini colmante con l’ultimo modello di telefono cellulare o l’ultimo videogame quale compagno di giochi. Anche in questo caso, la società moderna ha fallito, fallito perché non ha più pensato ad accompagnare i bambini e i giovani verso una crescita per affrontare la vita reale, verso una crescita intellettuale fatta non solo di libri, ma anche della riscoperta del nostro passato per imparare ad affrontare il futuro.

Il Progetto, che abbiamo voluto denominare: La Scuola della Vita, sinteticamente si concretizza nel creare degli ambienti associativi, dove far convivere le persone anziane e i bambini, affinché con la convivenza si colmino quei vuoti creati dalla società moderna e dalla globalizzazione.

Gli anziani, stimolati dalla presenza dei Bambini, possono trasmettere le loro esperienze di vita, la loro storia e quella della società in cui hanno vissuto, possono trasmettere i ricordi di quelle tradizioni, spesso ormai dimenticate o quasi, possono trasmettere il loro sapere e la loro manualità per evitare che antichi mestieri e arti, che ci piaccia o no, che sono stati per secoli il motore della nostra economia e che hanno reso l’Italia grande nel mondo, scompaiano e perché no, magari facendo emergere nei Bambini e nelle nuove generazioni quel desiderio di dedicare la loro intelligenza e manualità al ripristino di queste attività Artigiane e Artistiche.

I Bambini, dal canto loro, con il loro vociare, la loro gioia i loro sorrisi e la loro voglia di vivere, possono contribuire a colmare quei vuoti di solitudine che spesso troviamo negli occhi delle persone anziane, possono trasmettere la voglia di continuare a vivere, facendoli sentire ancora utili.

Insomma, Regaliamo un Sorriso…….si perché nel semplice e naturale atteggiamento del Sorriso, si nasconde un importantissimo stato d’animo: La Serenità e tutto cambia se visto con gli occhi e con gli atteggiamenti di Serenità.

Questo è il nostro Sogno. Realizzare in ogni città, paese o borgo della Nostra Italia un luogo di incontro diurno. La Scuola della Vita.

Ognuno di noi può contribuire alla realizzazione di questo sogno, attraverso le donazioni volontarie sul conto corrente della ONLUS OPUS SANCTI CONTARDUS ATESTINUS, con le modalità descritte alla pagina

Opus Sancti Contardus Atestinus O.N.L.U.S.

specificando nella causale “scuola della vita” . Si può contribuire attraverso lasciti e donazioni di Immobili, da destinare con vincolo testamentario alla Scuola della Vita, attraverso il proprio lavoro professionale volontario: Assistenti Sociali, Operatori Socio Assistenziali e figure professionali affini al progetto.

In conclusione un doveroso ringraziamento, va reso a tutti coloro che, quotidianamente e spesso nell’anonimato, contribuiscono ad alleviare qualche pena e regalare qualche sorriso e a chi vorrà contribuire a regalare………un Sorriso.

maggiori informazioni e contatti: cancelleria@desteorioles.org

 

Disclaimer e Nota Legale: si rende noto, che il progetto denominato " La Scuola della Vita" è stato depositato presso il Notaio di Casa d'Este Orioles. Pertanto qualsiasi attività lucrativa o non lucrativa che si richiama a quanto contenuto nella presente pagina o che richiama quanto contenuto nel progetto, sarà perseguita sia in Sede Civile che in Sede Penale.